Comunità di pratica in pratica - di D. Lipari e P. Valentini - Arcadia
17255
post-template-default,single,single-post,postid-17255,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Comunità di pratica in pratica – di D. Lipari e P. Valentini

Seminario il 20 Novembre 2017 ore 17.30 con l’ autore Prof. Domenico Lipari presso LuccaLibri Libreria – Caffè Letterario, Viale Regina Margherita 113, Lucca.

Libro edito da Casa Editrice Palinsesto – Informazioni e acquisto qui: https://goo.gl/ECCFf4

Le comunità di pratica sono quelle reti relazionali che gli individui sviluppano quando si confrontano attorno ai problemi delle loro pratiche di lavoro cercando e condividendo soluzioni efficaci. In che modo le comunità di pratica favoriscono l’apprendimento nei contesti lavorativi? Come le comunità di pratica possono costituire una risorsa per le politiche formative? Quali accorgimenti metodologici è possibile utilizzare concretamente nell’ottica di favorire nelle organizzazioni lo sviluppo di comunità di pratica? Come valorizzare la conoscenza prodotta in queste relazioni?

Tutti apprendiamo dalle nostre esperienze di vita, anche se non sempre ne siamo consapevoli. Apprendiamo attraverso azioni che si collocano “oltre l’aula”, oltre i setting strutturati per la formazione. Apprendiamo individualmente, ma anche attraverso il confronto con persone.  Le Persone rispondono alle nostre domande o condividono un bisogno di conoscenza che ci porta a ricercare insieme risposte sensate, efficaci ed utili nella pratica. Le nostre pratiche evolvono e migliorano attraverso le pratiche di altri soggetti. L’insieme degli scambi che gli individui sviluppano attorno ai problemi per trovare soluzioni configura reticoli relazionali che definiamo comunità di pratica.

Comunità di pratica

E’ un dispositivo sociale di apprendimento. È l’effetto visibile di reciproci avvicinamenti di individualità che ragionano su esperienze soggettive legate ad un tema  (o ad un problema) collettivamente identificato per cercare soluzioni praticabili.  L’avvicinamento nasce dall’esigenza di cooperare per risolvere questioni relative ad attività lavorative prive di risposte codificate, complete e soddisfacenti. L’individuazione e la soluzione collaborativa dei problemi facilita l’apprendimento dall’esperienza e lo sviluppo di nuove conoscenze.  Da questo punto di vista, le comunità di pratica sono attorno a noi.

Esistono diversi tipi di comunità di pratica e tre aspetti consentono di osservarne le principali differenze:

1) definizione del campo tematico,

2) strutturazione dell’impegno reciproco

3) capacità di incrementare un repertorio condiviso di nuove conoscenze.

E’ piuttosto frequente che nelle organizzazioni si sviluppino tra le persone fenomeni informali di collaborazione e di condivisione dell’esperienza assimilabili alla comunità di pratica. Ciò avviene soprattutto quando gli attori avvertono la necessità di confrontarsi su problemi concreti del lavoro, di scambiare conoscenze e condividere riferimenti che consentano di migliorare la loro pratica. È proprio sul terreno dell’apprendimento attraverso l’esperienza che le comunità di pratica mostrano la loro forza e la loro utilità.

 

Gli autori:

Domenico Lipari, sociologo, è docente presso l’Università di RomaTre. È autore di vari saggi e volumi riguardanti lo studio etnografico delle organizzazioni e dei processi formativi, i fenomeni dell’apprendimento organizzativo, le comunità di pratica, lo sviluppo di metodologie riflessive.

Pietro Valentini, sociologo, dottore di ricerca in Sistemi Sociali, Organizzazione e Analisi di politiche pubbliche, docente presso l’Università La Sapienza di Roma e l’Istituto Europeo di Design. Come progettista, coordinatore e facilitatore, ha svolto numerose ricerche-intervento in diverse organizzazioni pubbliche e private.

Libro edito da Casa Editrice Palinsesto – Informazioni e acquisto qui: https://goo.gl/ECCFf4