Il framework metodologico AAL® - “best cases” sperimentati in Italia nelle più importanti realtà multinazionali. - Arcadia
16004
post-template-default,single,single-post,postid-16004,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Il framework metodologico AAL® – “best cases” sperimentati in Italia nelle più importanti realtà multinazionali.

Il framework AAL® (Arcadia Augmented Learning), costruito e sperimentato da Arcadia, education technology company, per rispondere alle nuove esigenze del mercato, realizza esperienze d’apprendimento che parlano efficacemente alla persona, grazie all’ utilizzo di un linguaggio social e tecnologico che ben si lega al vissuto quotidiano delle persone. Trasformando il processo di apprendimento attraverso l’implementazione e l’utilizzo di piattaforme Moodle (e altri LMS), realtà aumentata, realtà virtuale, gaming, video interattivi, simulatori, flipped classroom e apprendimento immersivo la formazione diventa un’esperienza straordinaria di cambiamento e apprendimento. Il paper illustra le componenti tecno-metodologiche del framework metodologico AAL® attraverso alcuni Best Case di studio, costruzione e applicazione. Grazie all’integrazione di tecnologie e metodologie che consentono l’acquisizione di conoscenza in micro molecole, ai simulatori (2D e 3D, fotorealistici o gamificati), al lancio di sfide e al raggiungimento di punteggi attraverso piattaforme gamificate, allo stimolo dell’engagement dovuto al divertimento e al coinvolgimento delle persone l’apprendimento diventa snello, facile, veloce, efficace e soprattutto divertente. La formazione di Arcadia e del suo network si estende a grandi imprese, istituzioni e individui con l’obiettivo di favorire lo sviluppo di persone e aziende attraverso nuove idee, creazione di innovazione e accesso sistematico alle agevolazioni.

Autori: Orazio Stangherlin, Federico Fantacone, Anna Faggin, Lucrezia Crosato, Piergiorgio Marin, Sandro Furlan Radivo, Marco Sarpato

In collaborazione con: